Proseguono gli incontri sull’Abbazia di Montecorona

UMBERTIDE – Prosegue con successo il ciclo di incontri dell’Università della Terza Età di Umbertide per approfondire la storia della abbazia di Montecorona e dei personaggi ad essa collegati. Il corso è sostenuto dalla Fondazione Perugia e dal Comune di Umbertide.

Il 31 gennaio 2023 Don Giustino Farnedi, abate di San Pietro a Perugia, ha parlato di San Romualdo (951- 1027), santo ravennate, eremita e riformatore che ebbe una grande importanza come fondatore dei monaci camaldolesi. Lo ha definito un “nomade di Dio” per la sua vita caratterizzata dalle esperienze in varie luoghi dove fu eremita, fondatore di eremi, riformatore di comunità monastiche già esistenti. San Romualdo fu a Venezia, in Catalogna, a san Michele di Cuxa, in Istria a Parenzo. Terminò la sua vita nell’Appennino andando a Sitria, dove fondò una abbazia, poi a Camaldoli e infine presso Fabriano nella abbazia di San Salvatore in Valdicastro dove morì.  Peculiare fu il suo rapporto con il giovane imperatore Ottone III (980-1002), con cui collaborò per la riforma della Chiesa. San Romualdo è legato, per una tradizione tarda, alla fondazione dell’abbazia di Montecorona. Se questo oggi è messo in dubbio da recenti studi, è evidente però il legame del suo esempio di santità descritto da San Pier Damiani che fu abate a Montecorona. All’incontro era presente anche il parroco di Montecorona Don Renzo Piccioni Pignani.

Gli incontri dell’ UNITRE continueranno con Mons. Piero Vispi, cancelliere della Diocesi di Gubbio e parroco della Collegiata, che affronterà il 14 febbraio la biografia di un santo di Umbertide, San Savino, monaco coronese.