Cambia lo statuto della Fratta dell’800, il nuovo consiglio direttivo

UMBERTIDE – Più partecipazione per l’organizzazione della Fratta dell’800. Sono state approvate all’unanimità dal Consiglio la presa d’atto delle modifiche allo statuto dell’associazione – che ha il compito di organizzare tutte le iniziative inerenti la rievocazione storica umbertidese – e la nomina dei membri del direttivo spettanti all’assemblea cittadina.

Ai soci fondatori dell’Aps “Fratta dell’800” – ovvero Comune di Umbertide, Accademia dei Riuniti e Pro loco di Umbertide – si aggiunge così anche l’associazione dei commercianti del centro storico che avrà il diritto di nominare un membro nel Consiglio direttivo. Più spazio anche alla voce delle locande, con il passaggio da due a tre esponenti nominati dalla Consulta delle Taverne. I membri del Consiglio direttivo vengono incrementati così da 9 a 11. Nel parlamentino, quindi, siederanno: il sindaco (che ne assume la presidenza), i presidenti dell’Accademia dei Riuniti, della Pro loco di Umbertide e dell’associazione dei commercianti del centro storico o loro delegati; tre membri eletti dal Consiglio comunale; un rappresentante del gestore pro tempore del Teatro dei Riuniti o un altro rappresentante  dell’amministrazione cittadina; tre membri designati dalla Consulta delle Taverne.

A spiegare la riforma statutaria nel corso dell’assise è stato il vicesindaco con delega alla Cultura, Annalisa Mierla: “Con questa modifica allarghiamo la platea del consiglio direttivo. Aumentiamo da due a tre i rappresentanti delle Taverne e riportiamo l’associazione dei commercianti del centro storico tra i soci fondatori. Erano riconosciuti da tutti come tali ma mancava la dicitura ufficiale nello statuto. Anche loro entrano di diritto nel consiglio. Ce lo avevano sollecitato e la nostra volontà è stata quella di riportarli”.

Il vicesindaco ha quindi proposto all’assemblea i nomi dei tre membri del direttivo espressione del Consiglio comunale. Si tratta di una conferma e due novità. Resta nel consiglio direttivo dell’associazione Simonetta Pagelli. I nuovi ingressi sono quelli di Giada Sonaglia e di Anna Maria Boldrini.

“Abbiamo condiviso questa scelta con le forze di minoranza – ha aggiunto Mierla – in modo tale da condividere tre persone che possano lavorare bene in maniera competente verso quella che è una associazione come la Fratta dell’800 che fa da punto cardine  per la rappresentatività della nostra città e della sua storia”.

Prima del voto ha preso la parola il capogruppo della Lega, Alessio Silvestrelli: “In questi anni ho vissuto da vicino l’organizzazione della Fratta dell’800. Questo ulteriore cambio di statuto sottolinea come l’amministrazione tenga alla festa. La rievocazione storica è andata molto bene negli ultimi anni. C’è stato lo stop imposto dal Covid e la giunta ha fatto il massimo sforzo possibile per mantenerla in vita. I cittadini hanno risposto bene e siamo sicuri che nei prossimi anni ci saranno delle ottime edizioni”.

Poste in votazione, le due proposte sono state approvate con il sì di tutti i consiglieri comunali presenti.