Dino Ricci è il nuovo presidente dell’Irb

UMBERTIDE – Un nome “che sorprende” per il vertice degli Istituti riuniti di beneficenza (Irb). E’ quello di Dino Ricci, montonese classe 1951 (73 anni), indicato dal Comune di Umbertide (il Sindaco ha indicato i nomi in rappresentanza della sola maggioranza di centrodestra tra coloro che hanno risposto all’avviso pubblico) come prossimo presidente dell’azienda pubblica di servizi alla persona che gestisce la residenza progetta “Balducci” di via dei Patrioti.

Ricci, manager che è stato a capo della Molini popolari riuniti per un totale di 29 anni (nei primi otto come presidente del Molino popolare altotiberino e dal 2001 di Mpr in seguito alla fusione con Ellera) e già numero uno di Legacoop Umbria dal 2012 al 2023, fa parte delle rosa dei tre nomi di espressione comunale che andranno a formare il nuovo consiglio di amministrazione dell’Irb.

Gli altri due consiglieri scelti – su un totale di dieci curricula pervenuti all’ente – sono quelli del medico Adriano Giubilei (già presidente degli Istituti nella seconda decade degli anni 2000 e vicepresidente uscente) e dell’avvocato Liana Lucaccioni. Nei giorni scorsi, anche la Regione Umbria ha nominato i membri del cda di sua spettanza e sono la farmacista Claudia Chiesi e la massofisioterapista Claudia Gabarrini. Si rinnova così quasi completamente la governance della “Balducci”, presieduta fino a pochi giorni fa da Massimo Giovannoni, che ha avuto il compito di guidare la struttura in momento delicato e molto impegnativo come quello della pandemia. Al presidente e al cda uscenti vanno i ringraziamenti dell’amministrazione comunale per il lavoro svolto.

Una volta insediato, il nuovo consiglio di amministrazione dell’Irb resterà in carica per cinque anni. I membri – come previsto dallo statuto dell’azienda, non possono essere riconfermati, senza interruzione, per più di due mandati.