La Pfu sfiora il colpaccio con la capolista Roseto

UMBERTIDE – La Pallacanestro Femminile Umbertide spaventa la capolista, sfiora l’impresa e viene beffata nell’extra time. Una gara gagliarda, con la formazione di Staccini che dopo l’opaca prestazione contro Ancona, sfoggia una delle migliori versioni stagionali. Illuminata da una Pangalos on fire (20pt), la PFU spreca una ghiotta occasione venendo raggiunta dal 2/2 di Cecili nei regolamentari. Nel supplementare senza Pangalos prima e D’Angelo poi, Umbertide mette prima la testa avanti poi si mantiene a contatto e sulla sirena non trova il nuovo extra time, con la tripla di Stroscio sputata dal ferro.

Con le Panthers prive di Miccio e la PFU di Cupellaro, è Cecili a mettersi in evidenza in avvio con sette punti personali che valgono il primo break sul 13-4. D’Angelo e Baldi riavvicinano la PFU (15-9), ma Obouh Fegue e Mattera ristabiliscono il più sette interno sul 21-14. Trama che non cambia con la prima frazione in archivio sul 27-19. Nel secondo quarto si segna a rilento, con il parziale che a metà frazione segna 31-24 con Staccini che deve fare già i conti con i tre falli personali di Pangalos. Nella seconda parte fiammate di D’Angelo e Sammartino a ridare ossigeno alle ospiti, con Umbertide che torna in scia e al riposo insegue 39-34. Cinque punti di D’Angelo riaprono la contesa, riportando a un singolo possesso di margine le due formazioni. Obouh Fegue ridà ossigeno alle Panthers, ma prima Pangalos e poi Baldi ricuciono ulteriormente per il 45-44. La parità si concretizza poco dopo, con la tripla di Pangalos per il 47-47. Il finale è però tutto di Pangalos, che sale in cattedra con due triple in fila scrivendo il 54-57 alla terza sirena. Nell’ultimo quarto Roseto cambia marcia e con sei punti in fila si riporta al comando, sul 60-57. Botteghi in contropiede fa più cinque, obbligando Staccini a chiamare minuto di sospensione. Umbertide al rientro sale di colpi e dopo essersi rimessa a contatto, sorpassa con una sontuosa Pangalos che dall’arco insacca il 68-69. Il finale è una guerra di nervi, con le due formazioni costantemente in lunetta. E’ Cecili a esser quella più precisa , decretando con il 2/2 il 72-72 che vale il supplementare. Nell’extratime le due squadre si susseguono al comando: a spezzare l’equilibrio sono Cecili e Botteghi, che a un minuto dal termine scrivono due possessi di margine (86-81). Stroscio con due giri in lunetta accorcia sul 86-83, poi Roseto prova nuovamente l’harakiri riuscendo a perder palla in uscita dal timeout con rimessa offensiva. L’ultimo tiro lo prende Stroscio, che dall’arco va a un passo dal trovare un clamoroso canestro. La palla è però sputata dal ferro e decreta la vittoria della squadra di casa per 86-83.

Il commento di coach Michele Staccini al termine del match: “Peccato per il risultato, deciso dagli episodi nel finale, ma sicuramente abbiamo dato un segnale importante dopo le due ultime brutte prestazioni. Ora dobbiamo riuscire a riproporre la stessa intensità di gioco anche le prossime importanti partite”.

ROSETO-UMBERTIDE 86-83 (27-19, 39-34, 54-57, 72-72)

Roseto: Botteghi 24, Sorrentino 12, Obouh Fegue 14, Cecili 18, Mattera 9, Aispurua 3, Resemini ne, Bona 3, Lemma ne, Bardarè, Polimene ne, Maroglio 2. All. Padovano

Umbertide: Sammartino 10, D’Angelo 19, Pangalos 20, Stroscio 10, Baldi 19, Scarpato, Gianangeli 2, Colli 2, Paolocci 1, Cupellaro ne. All. Staccini