Operaio cade da tetto del capannone, ricoverato in terapia intensiva a Perugia


UMBERTIDE – Stava lavorando sul tetto di un capannone quando improvvisamente la superficie su cui poggiava sarebbe crollata ed è precipitato a terra, l’operaio di 30 anni rimasto vittima di un grave incidente sul lavoro. È accaduto questa mattina, sabato 17 febbraio, intorno alle ore 8, nella zona industriale di Umbertide. L’uomo, di origine albanese e residente a Trevi, stava effettuando alcuni interventi, per conto di un’azienda esterna, sulla copertura di un capannone di una ditta in via Calabria, quando, probabilmente a causa di un cedimento improvviso, è precipitato nel vuoto. Un volo di circa sette metri, prima di cadere rovinosamente al suolo.

Subito sono stati allertati i soccorsi e l’operaio è stato trasportato in codice rosso all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Dalle prime informazioni, avrebbe riportato politraumi, in particolare al cranio e agli arti, e sarebbe ricoverato in terapia intensiva. Sul luogo dell’incidente, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti i carabinieri e il personale del servizio prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro (Psal) della Asl Umbria 1 per i rilievi del caso. Appurato l’incidente sul lavoro da parte dei militari guidati dal capitano Palermo, ora le indagini sono in mano al Servizio Psal dell’Azienda sanitaria locale n. 1 che dovrà risalire alle cause del sinistro ed individuare le eventuali responsabilità. Quanto accaduto questa mattina a Umbertide ricorda drammaticamente l’incidente sul lavoro avvenuto ieri mattina a Firenze quando un crollo presso il cantiere di un supermercato ha causato quattro morti e diversi feriti.