Terremoto, PD: “Ricostruzione senza prospettive”

UMBERTIDE – “Ad oggi la ricostruzione è senza prospettive e non c’è alcuna risposta alle interrogazioni sul ritorno delle scuole medie a Pierantonio”. É quanto afferma in una nota il Gruppo consiliare del Partito Democratico di Umbertide.

“L’amministrazione vuole riportare la scuola media a Pierantonio all’inizio del prossimo anno scolastico oppure no? – incalzano i dem – Un mese fa circa l’assessore Mierla aveva detto che l’amministrazione comunale era in attesa della risposta della rimodulazione del piano da parte della Protezione civile per decidere sull’ipotesi di utilizzare moduli prefabbricati per ospitare da settembre le scuole medie. La rimodulazione del piano, che consiste nell’utilizzare le economie derivanti dalle risorse dedicate al CAS e non utilizzate per i moduli prefabbricati, appare una formalità ma è evidente – continua il PD – che l’amministrazione non intende mettere un euro del proprio bilancio. Nonostante l’assemblea con i genitori favorevoli alla soluzione dei moduli prefabbricati e nonostante il parere favorevole della dirigente scolastica, ci sembra che chi assicurava il ritorno delle scuole medie entro settembre ora si stia rimangiando la parola. Alle nostre interrogazioni la giunta non ha saputo o voluto rispondere e se a questo aggiungiamo la mancanza di normativa nazionale che equipari il sisma che ha colpito Pierantonio, Sant’Orfeto e Pian d’Assino a quello di Norcia del 2016, e l’ulteriore peggioramento di questi giorni sulla normativa relativa al superbonus, appare evidente che dell’impegno della Giunta Tesei e del governo Meloni restano solo i ricordi delle passerelle pre elettorali. L’amministrazione comunale si adoperi per riportare le scuole medie entro settembre a Pierantonio – chiosa il PD – e quella regionale e il Governo si impegnino sul serio per far partire la ricostruzione con una normativa adeguata. Noi faremo la nostra parte come abbiamo fatto con le nostre proposte e i nostri emendamenti che la destra ha ben pensato di bocciare”.