25 Aprile, due giorni di eventi per ricordare quando “La piazza non c’era”

UMBERTIDE – Due giorni per ricordare il 25 aprile del 1944, quando borgo San Giovanni fu distrutto dalle bombe degli Alleati e settanta persone persero la vita. Quest’anno ricorre l’ottantesimo anniversario di quel drammatico giorno che cambiò per sempre la storia di Umbertide e per l’occasione l’Amministrazione comunale di Umbertide, insieme a Centro socio culturale San Francesco, Accademia dei Riuniti, Anpi e Università della Terza Età di Umbertide, ha organizzato una due giorni di eventi e commemorazioni.

Si intitola, emblematicamente, “La piazza non c’era”, la rappresentazione-evento che si terrà la sera del 24 aprile, con attori e figuranti che daranno voce alle vittime e ai sopravvissuti del bombardamento; il programma prevede poi anche una mostra fotografica con le immagini del 1944 dell’allora Borgo San Giovanni e la presentazione dell’ultimo libro di Mario Tosti “1944: Dalla barbarie verso la civiltà”.

La due giorni di iniziative è stata presentata giovedì 18 aprile in Sala Tevere dal sindaco Luca Carizia insieme al vicesindaco Annalisa Mierla e all’assessore Francesco Cenciarini, da Achille Junior Roselletti e Michele Magrini Alunno dell’Accademia dei Riuniti, da Sergio Bargelli del Centro socio culturale San Francesco e da Mario Tosti. “Saranno due giorni intensi per commemorare il bombardamento di Borgo San Giovanni” ha detto il sindaco Carizia. “Un doppio appuntamento – ha aggiunto il vicesindaco con delega alla Cultura Annalisa Mierla – per portare il verbo di una storia che ci ha fatto tanto male ma che ci ha reso liberi”.

Il programma per il 25 Aprile, che per Umbertide non rappresenta soltanto il 79esimo anniversario della Liberazione dall’occupazione nazifascista ma anche gli ottant’anni dal bombardamento di Borgo San Giovanni, si aprirà con la mostra fotografica “Umbertide XXV Aprile 1944” organizzata dal Centro socio culturale San Francesco con la collaborazione con la sezione locale dell’Anpi, che metterà a confronto le foto storiche del dott. Balducci del 1944 con gli scatti di oggi, a dimostrazione di quella piazza che ottant’anni fa non c’era perché “occupata” dalle abitazioni di tanti umbertidesi. La mostra verrà aperta alle ore 18.30 di mercoledì 24 aprile presso la sede temporanea del Centro San Francesco (locale ex vigili) e sarà visitabile da giovedì 25 a domenica 28 aprile dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 18.30.

Il clou è in programma per la sera del 24 aprile quando alle ore 21.30 in piazza XXV Aprile andrà in scena l‘evento speciale “La Piazza non c’era. Memorie dal bombardamento”, una produzione dell’Accademia dei Riuniti realizzata grazie anche alla collaborazione di Anpi, Centro San Francesco e Unitre. Gli attori dell’Accademia daranno voce ai testi di Mariella Migliorati, Mario Tosti e Bruto Boldrini, mentre proiezioni, musica e luci contribuiranno a creare un evento dal forte impatto emotivo. “L’Accademia è molto legata ad Umbertide ed è stato per noi naturale dare un contributo alle celebrazioni per l’80esimo anniversario del bombardamento – ha spiegato Achille Junior Roselletti – Metteremo in scena la normalità e la tragedia di un giorno come tanti nel borgo San Giovanni e lo faremo grazie alla collaborazione di tanti volontari e dei figuranti che rappresenteranno le 70 vittime del bombardamento”. Per l’evento saranno poi posizionate sulla piazza settanta “mattonelle d’inciampo”, realizzate dalle socie dell’Università della Terza Età, a rappresentare le vittime del bombardamento nel luogo esatto in cui persero la vita.

Giovedì 25 aprile poi è in programma il tradizionale corteo per la Festa della Liberazione: alle ore 8.45 a Montecastelli verrà deposta una corona di alloro presso la lapide di Giuseppe Bernardini mentre alle ore 9.45 si renderà omaggio al monumento ai Caduti di piazza XXV Aprile a Pierantonio a cui seguirà la benedizione di don Raffaele Zampella.

Alle ore 10.30 alla Piattaforma di Umbertide prenderà il via il corteo, allietato dalla Banda musicale cittadina, che sfilerà per le vie della città rendendo omaggio ai Monumenti ai Caduti fino a raggiungere piazza XXV Aprile dove alle ore 11.30 verrà celebrata la santa messa officiata da don Pietro Vispi, per poi proseguire con i saluti istituzionali del sindaco Luca Carizia e della Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei.

Ultimo appuntamento alle ore 18 quando in piazza XXV Aprile Mario Tosti presenterà il suo ultimo libro “1944: dalla barbarie verso la civiltà”, un libro aperto, dotato di qr code che permetterà di aggiornare l’opera e favorire una discussione, ma soprattutto far conoscere ai giovani una pagina cruciale della storia di Umbertide. Un estratto del libro è contenuto anche nell’edizione 2024 del Calendario di Umbertide che quest’anno è stato pensato come un’opera corale che ha coinvolto i circa 250 studenti delle classi terze del Campus Da Vinci che, mese per mese, partecipano attivamente alla realizzazione dello stesso, scoprendo, pagina dopo pagina, i fatti e gli avvenimenti del 1944.