Pannelli per ricordare le stragi di Serra Partucci e Penetola

UMBERTIDE – Luoghi del dolore e della memoria, di storie che appartengono al passato ma sono e devono essere capaci di insegnare oggi ed in futuro.

Per questo sono state installate a Penetola e Serra Partucci, luoghi segnati dalle due stragi naziste che proprio in questi giorni sono state commemorate, nuove tabelle che documentano ed illustrano i due tragici episodi, con immagini e una sintesi dell’accaduto sintesi in italiano e inglese, narrata da Paola Avorio (autrice del libro “Tre noci” su Penetola), ascoltabile tramite  QR code. I pannelli sono frutto della volontà caparbia di Mario Tosti,  storico locale che ha voluto dopo 80 anni, l’eredità consegnata alle generazioni successive dalle vittime. “Onoriamole – dice Tosti – pensando che il loro sacrificio ha indotto le nazioni, allora contrapposte nelle atrocità della guerra, a confluire nell’Unione Europea, presidio prezioso di pace”.

Le illustrazioni dei due pannelli, preziose per bellezza e significato, sono del pittore umbertidese Antonio Renzini; i testi sono tratti dalle opere di Tosti. Intanto ad 80 anni esatti dai due eccidi  domenica scorsa il sindaco Luca Carizia commemorato le vittime di Serra Partucci e Penetola: oltre al primo cittadino erano presenti gli assessori Francesco Cenciarini e Alessandro Villarini, i consiglieri Giulia Medici, Filippo Corbucci, Sauro Anniboletti, Spartaco Montanucci.