A Umbertide presto un nuovo supermercato

UMBERTIDE – Nel capoluogo è pronto ad arrivare un nuovo supermarket. Il Consiglio comunale ha infatti approvato una variante al piano regolatore che porterà alla costruzione di una struttura commerciale che sorgerà nel terreno situato tra via Pitulo e via Martiri della Libertà. Il via libera da parte dell’assise cittadina è arrivata ne corso della seduta del 21 dicembre ed è arrivata con i sì della maggioranza di centrodestra (Fratelli d’Italia, Lega e Umbertide per Carizia Sindaco) e il no di Corrente. Il gruppo consiliare del Pd non ha partecipato alla discussione e alla votazione finale.

La proposta di variante, come ha ricordato l’assessore all’urbanistica Alessandro Villarini, è stata richiesta dalla società Gs, socia di Pac 2000 e affiliata a Conad. Sarà quindi realizzata una struttura commerciale e direzionale per un totale di 2624 metri quadrati così composta: 1499 mq ospiterà il nuovo Conad che si trasferirà quindi dall’attuale sede di via Martiri della Libertà, 601 mq di magazzino e fabbricato di 524 mq. La compensazione a carico del proponente – pari a 635mila euro – verrà assolta tramite la realizzazione di una strada che unirà via Martiri della Libertà con via Martiri dei Lager; sarà quindi risistemato il parcheggio presente davanti all’ufficio postale con circa dieci posteggi in più; verrà anche costruito un nuovo collettore fognario lungo via della Repubblica fino alla confluenza con il fosso Rio.  

“Questi interventi pubblici – ha detto Villarini – assolvono in maniera piena, tangibile e rilevante quello che è un interesse pubblico e ciò è molto importante al fine della nostra variante”.

Inoltre, ha specificato l’assessore, la conferenza dei servizi si è conclusa con i pareri favorevoli di tutti gli enti preposti che sono intervenuti, ovvero: Vigili del fuoco, Usl Umbria 1, Provincia di Perugia, Umbra Acque, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, Polizia locale, Multiservices, Servizio elettrico nazionale, Arpa Umbria, Telecom Italia e Regione Umbria.

Nel corso del dibattito ha preso la parola il capogruppo di Corrente, Federico Rondoni: “Non possiamo consumare ulteriore suolo e cementificare un’area verde – ha affermato – Si poteva riqualificarla ma si decide di costruire dove non c’è cementificazione. Il nostro non sarà un voto contrario alla variazione e nemmeno nei confronti delle attività commerciali. Il punto è la mancanza di pianificazione”.

A intervenire è stato quindi il consigliere della Lega, Giovanni Dominici: “Approviamo una variante per consentire la costruire di un supermercato di 1500 mq che darà lavoro a delle persone. Non si può dire che manca la prospettiva”. La parola è quindi passata al consigliere di Fratelli d’Italia, Antonio Molinari: “Se quel terreno rimanesse agricolo tra tutte quelle case continuerebbero a essere inevitabili le proteste dei residenti per la polvere alzata dai mezzi. Facciamo pace con tutto”.

Posta in votazione, la variante è stata approvata con undici voti favorevoli e uno contrario.