Ex Prosperius, Tesei: “Sanata una situazione assurda”

UMBERTIDE – L’Istituto Clinico Tiberino come esempio della buona gestione della sanità umbra. A evidenziarlo è stata la presidente della Regione, Donatella Tesei, intervenendo nel corso della seduta dell’Assemblea legislativa dell’Umbria di martedì 12 dicembre che ha portato all’approvazione del Documento di economia e finanza regionale 2024.

“Quando sento parlare di privatizzazione della sanità, che non esiste da parte nostra – ha detto la governatrice – voglio ricordare che abbiamo sanato una situazione assurda che riguardava l’Istituto Clinico Tiberino”. Tesei ha proseguito specificando che alla ex Prosperius, la giunta regionale ha “riportato la sanità pubblica alla maggioranza, dimostrando che la sana azione tra pubblico e privato funziona”. Secondo Tesei, a confermarlo sono “i bilanci e gli investimenti che oggi si stanno facendo su una struttura che è di riferimento regionale ma che ha una attrattività forte fuori dall’Umbria. Le situazioni, quindi, vanno viste per il verso giusto e non bisogna avere un approccio fatto di pregiudizi o preconcetti. Vanno viste le operatività e come possono funzionare al meglio. Con l’Istituto Clinico Tiberino lo abbiamo dimostrato”.

Per quanto riguarda il futuro del centro di riabilitazione di via Forlanini, come aveva annunciato a ottobre la presidente Tesei in Consiglio regionale, nel 2024 ci saranno importanti novità. Sarà infatti investito un milione di euro in nuove tecnologie per la cura delle persone. La struttura verrà interessata da lavori di riqualificazione, saranno portate a termine tutte le nuove assunzioni e sarà operativo anche un nuovo medico geriatra. Buone notizie anche per i posti letto: è previsto l’incremento di otto unità, così da portare a 120 quelle disponibili.